venerdì 25 marzo 2016

Trieste: barista multato dalla Guardia di Finanza per un'evasione di 10 centesimi

 Risultati immagini per caffè


(g.t.) Segnalo il link all'articolo pubblicato sul sito del quotidiano Il Gazzettino, dal titolo "Evade 10 centesimi: barista multato dalla Guardia di Finanza (qui). Dal profilo facebook del Movimento dei finanzieri democratici, Redazione Movimento, riporto di seguito il commento di Lorenzo Lorusso, presidente dell'associazione:

""
Non vogliamo speculare su quanto accaduto e neppure fare del moralismo, è nostra intenzione solo ricordare che il Movimento dei Finanzieri Democratici - nato per agevolare un'equità fiscale che il nostro Paese oggi vede solo da lontano - si è sempre battuto e continuerà a farlo affinché questi episodi non si verifichino più. Nel caso specifico, i finanzieri, forse in maniera troppo zelante, hanno applicato una normativa che va rivista e che colpisce i piccoli commercianti e le piccole e medie imprese tralasciando - di fatto, per le risorse impiegate - la grande evasione ed elusione fiscale posta in essere ad altissimi livelli, dalla criminalità organizzata, nei cosiddetti paradisi fiscali. Combattiamo seriamente la grande evasione fiscale e lasciamo in pace i piccolissimi errori dei piccoli commercianti e delle piccole imprese. Non rendiamo difficile, se non impossibile, la sopravvivenza a queste persone. Modifichiamo le leggi, cambiamo modo di pensare.

Lorenzo Lorusso - presidente dei Finanzieri Democratici
 
N.B.: quando scriviamo "democratici" non c'è alcun riferimento o contiguità a partiti politici che sono arrivati dopo la nascita del Movimento dei Finanzieri Democratici, la nostra è una battaglia etico-sociale e culturale.
""

Amianto: due audizioni di fronte alla Commissione parlamentare che indaga sugli infortuni sul lavoro

(G.T.) Dal profilo facebook Redazione Movimento, segnalo il video tratto da youtube di due audizioni tenutesi di fronte alla Commissione parlamentare d'inchiesta sugli infortuni sul lavoro, di cui sono stati protagonisti:

- l'Associazione Italiana Esposti Amianto, in merito ai profili di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro connessi all'esposizione all'amianto in Val Basento, Ottana e  Assemini (siti industriali ex Enichem);

- esponenti di Cgil, Cisl e Uil vigili del fuoco Marche, in merito ai profili di tutela della salute e sicurezza sul lavoro connessi all'esposizione alle fibre di amianto del personale dei vigili del fuoco.

Questi i link: 

Redazione Movimento
Commissione di inchiesta sugli infortuni sul lavoro: audizioni - YouTube

lunedì 14 marzo 2016

Convegno amianto a Trieste dell'11 marzo: gli echi della stampa


 Risultati immagini per amianto


(g.t.) Riporto alcuni echi della stampa del convegno-dibattito sull'amianto tenutosi venerdì 11 marzo a Trieste, organizzato dall'associazione Finanzieri esposti amianto e dal Corriere Nazionale:


1) l'articolo pubblicato dal quotidiano Il Piccolo, qui.



2)
Risultati immagini per reuters


[Trieste 11/03/2016, ore 19,30] Finanzieri Esposti all'Amianto e Corriere Nazionale uniti nel denunciare le carenze legislative e la mancata applicazione della legge 257/1992 in tema di amianto. Il presidente nazionale del sodalizio che tutela le Fiamme Gialle, Lorenzo Lorusso, ha sottolineato il numero elevato di esposti tra il personale delle Forze Armate:  «Bonifiche tardive e tecnicamente imprecise hanno causato dei danni ai dipendenti della Guardia di Finanza di Trieste», ha precisato Lorusso. Alla conferenza erano presenti l'europarlamentare Marco Zullo e numerosi consiglieri regionali e comunali. [a.pe.]           

giovedì 10 marzo 2016

“Amianto: quali progressi?”, un convegno a Trieste venerdì 11 marzo

 Amianto? No, grazie!
Domani, venerdì, 11 marzo con inizio alle ore 16.00, presso la sala Paolo Alessi del Circolo della Stampa di Trieste, in Corso Italia 13, primo piano, si terrà l’incontro/dibattito sul tema:

                 
  “Amianto: quali progressi?”

All’iniziativa, tra gli altri ospiti, parteciperanno: 

• l’Europarlamentare Marco Zullo;
• i Professori Claudio e Tommaso Bianchi 
[Ospedale San Polo di Monfalcone (GO)];
• il Prof. Ing. Marino Valle [Consulente Peritale];
• la Consigliera Regionale Ilaria Del Zovo;
• l’Architetto Paola Sabrina Sabia.
 
Al di là delle disquisizioni tecnico-ambientali, sanitarie e giuridiche, che verranno fatte dagli esperti, nell’ambito dell’incontro verrà posto l’accento sugli inspiegabili ritardi posti in essere nell’applicazione della legge nr. 257/1992 (normativa che ha vietato l’importazione, il commercio e l’uso dell’amianto-eternit su tutto il territorio nazionale).

Com’è noto una massiccia presenza di amianto è stata più volte denunciata - sia dal quotidiano locale Il Piccolo, sia da altri organi di informazione - in numerosi edifici pubblici di Trieste, tra questi si annoverano: la Questura, molte caserme e luoghi di servizio della Guardia di Finanza, scuole, stazione ferroviaria di Villa Opicina.

L’evento prevede la testimonianza della vedova di un graduato della Guardia di Finanza deceduto per mesotelioma della pleura e si concluderà con un dibattito tra il pubblico presente ed i relatori.
 
Per ulteriori informazioni si prega di contattare la seguente utenza di cellulare:347-5471026
Lorenzo Lorusso (moderatore dell’incontro)

Cittadini nella mani di nessuno (se non è lo Stato a difenderli...)

(G.T.) Dal sito news.go.it proponiamo la notizia "Ricorsi tributari truccati, arresti e perquisizioni della Guardia di Finanza", in merito ad indagini della Procura della Repubblica di Roma (cliccare qui - segnalazione di Lorenzo Lorusso).
 

lunedì 7 marzo 2016

Uranio impoverito, sentenza storica del Consiglio di Stato

Per la prima volta riconosciuto ad un militare il danno da causa di servizio   

 Uranio impoverito, foto di Sergio Trenna - Flickr.com
 Uranio impoverito (Sergio Trenna - Flickr)

""
"Avevo 24 anni quando mi hanno diagnosticato il linfoma, oggi che ne ho dieci di più e sono ancora vivo. L'unica cosa che mi sta a cuore è garantire il futuro dei miei quattro figli. Perché oggi, grazie a Dio sto benino, ma non so cosa potrà accadere domani. E questa sentenza, finalmente, rende giustizia a me e ai tanti che come me si sono ammalati per servire la patria". Lorenzo Motta, ex sottocapo della Marina militare, oggi transitato nei ruoli civili del ministero della Difesa a causa della sua malattia, stringe nelle mani la sentenza emessa dalla quarta sezione del Consiglio di Stato che, per la prima volta in Italia, riconosce la "causa di servizio" a un militare ammalatosi dopo l'esposizione ripetuta a polveri di uranio impoverito nei teatri di guerra (da la Repubblica del 6 marzo 2016).

""

Per continuare a leggere l'intervista di Alessandra Ziniti dal sito de la Repubblca, cliccare qui.

Per maggiori informazioni segnalo la pagina del sito "Osservatorio Balcani e Caucaso" dedicata all'argomento (qui),

Gaetano Toro

martedì 1 marzo 2016

“Amianto: quali progressi?”, un convegno a Trieste l'11 marzo

 Amianto? No, grazie!


Venerdì, 11 marzo p.v., con inizio alle ore 16.00, presso la sala Paolo Alessi del Circolo della Stampa di Trieste, in Corso Italia 13, primo piano, si terrà l’incontro/dibattito sul tema:

                 
  “Amianto: quali progressi?”

All’iniziativa, tra gli altri ospiti, parteciperanno: 

• l’Europarlamentare Marco Zullo;
• i Professori Claudio e Tommaso Bianchi 
[Ospedale San Polo di Monfalcone (GO)];
• il Prof. Ing. Marino Valle [Consulente Peritale];
• la Consigliera Regionale Ilaria Del Zovo;
• l’Architetto Paola Sabrina Sabia.
Al di là delle disquisizioni tecnico-ambientali, sanitarie e giuridiche, che verranno fatte dagli esperti, nell’ambito dell’incontro verrà posto l’accento sugli inspiegabili ritardi posti in essere nell’applicazione della legge nr. 257/1992 (normativa che ha vietato l’importazione, il commercio e l’uso dell’amianto-eternit su tutto il territorio nazionale).
Com’è noto una massiccia presenza di amianto è stata più volte denunciata - sia dal quotidiano locale Il Piccolo, sia da altri organi di informazione - in numerosi edifici pubblici di Trieste, tra questi si annoverano: la Questura, molte caserme e luoghi di servizio della Guardia di Finanza, scuole, stazione ferroviaria di Villa Opicina.
L’evento prevede la testimonianza della vedova di un graduato della Guardia di Finanza deceduto per mesotelioma della pleura e si concluderà con un dibattito tra il pubblico presente ed i relatori.
 
Per ulteriori informazioni si prega di contattare la seguente utenza di cellulare:347-5471026
Lorenzo Lorusso (moderatore dell’incontro)